Corso SEO Online
Come ragiona Google
Nozioni SEO di base
Tecniche SEO Avanzate
Link Building
Web Marketing
Ottimizzazione contenuti
Monitoraggio
Esempi di ottimizzazzione SEO
Esperienze SEO
Post Correlati

Vendita Link ed acquisto link , le regole

Pubblicato il 14 novembre 2011 da

Vendita Link ed acquisto link , le regole

Non è una novità dire che l’acquisto e la vendita di link è una pratica che Google ritiene sleale e che quindi punisce con penalizzazioni. Premesso questo vi dico prima quello che Google ritiene “legale” o “illegale” e poi farò una panoramica sui vari modi per acquistare e vendere link sul web.

Google e la compravendita dei link

Nelle guide per webmaster Google afferma in maniera esplicita quanto segue:

  1. Gli scambi link sono da considerare sleali perchè hanno come unico scopo quello di alterare il posizionamento sui motori di ricerca
  2. La vendita dei link non è del tutto illegale, la si può fare ma i link devono essere NOFOLLOW oppure devono passare attraverso una pagina di redirect tipo : goto.php?id=12323. La pagina di redirect deve essere inserita nel file robots tra quelle NOINDEX in modo da non farle indicizzare da google.
  3. Se vendete link per Google va benissimo, tutti hanno diritto a fare affari, però i link non devono trasferire alcun valore. I siti che vendono link in maniera scorretta vengono penalizzati
  4. Non esiste alcuna frase nel documento di Google che indichi che il sito che riceve il link (chi ha acquistato) riceverà delle penalizzazioni, è fintroppo ovvio dato che ognuno va “giudicato” per i propri siti web e per la propria condotta nel gestirli, chi riceve un link non è detto che l’abbia voluto o l’abbia acquistato.

Come comportarsi difronte all’opportunità di ottenere link o guadagnare vendendoli

I link li vendono e li comprano praticamente tutti, è inutile girarci intorno e far finta che ciò non accada. Quelle che cambiano sono le modalità con cui ciò avviene e bisogna stare molto attenti a non commettere passi falsi.

Partiamo con il vendere link

  1. Se vendete link non fatelo spudoratamente
  2. Non affiliatevi a siti web che espongono il nome del vostro sito web come fa linkadage o come faceva linklift in passato
  3. Sostanzialmente non affiliatevi ad alcun sistema di vendita links. Se verrete “scovati” sarete penalizzati al 100%
  4. Non vendete link con costo mensile, ormai è una modalità sorpassata perchè per il posizionamento sono necessari troppi links e per chi compra è diventato impossibile pagare centinaia di link al mese per sempre, vendete link negli articoli di testo, permanenti e convenienti per tutti.
  5. Non riempite le pagine dei vostri siti con decine e decine di link fuori tema con ciò che pubblicate, sono link facilissimi da individuare anche dall’algoritmo di Google, ci metterà poco a capire che sono privi di utilità e forniti a scopi commerciali.